• Evento diretto a biologi, veterinari, agronomi, tecnici di laboratorio e diplomati.

    Il corso si propone di dare all’allievo la formazione base per poter operare nell’ambito delle produzioni alimentari in qualità di:

    CONSULENTE PER L’IGIENE DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DEL SISTEMA H.A.C.C.P.

    Il Consulente è una figura di riferimento ormai consolidata nelle industrie alimentari di ogni tipo, in quanto la sua professionalità è alla base della corretta implementazione delle produzioni e soprattutto della gestione degli adempimenti pratico-burocratici a carico degli Operatori. Il Consulente dovrà in particolar modo conoscere le modalità di realizzazione delle produzioni alimentari ed in esse essere in grado di riconoscere i potenziali rischi a danno della salute dei consumatori.haccp

    SBOCCHI PROFESSIONALI

    Consulente per le Produzioni Alimentari trova la realizzazione delle proprie competenze professionali in moltissime aree commerciali di diverso calibro. Si può cominciare la propria esperienza occupandosi di realtà più ‘semplici’ come erboristerie e tabaccai, negozi di integratori, bar, wine-bar, pub, yogurterie, piadinerie, gelaterie, farmacie, venditori ambulanti, fruttivendoli, autotrasportatori, depositi di alimentari, punti vendita di soli congelati, per poi passare a realtà commerciali più strutturate come pizzerie, ristoranti, rosticcerie e gastronomie, ristorazione per celiaci, produzioni di pasta fresca, forni e pasticcerie, centri cottura, negozi di alimentari, fiere gastronomiche paesane e strutture organizzate complesse quali mense scolastiche (con particolare attenzione agli asili nido), mense aziendali, mense universitarie, self-service, supermercati, rivenditori all’ingrosso e aziende alimentari di ogni tipologia sia con vendita diretta del fresco che del confezionato a livelli sempre più complessi. Il Consulente inoltre può svolgere attività formativa in ogni ambito con diverse modalità nel rispetto delle indicazioni regionali.

    Suo compito sarà quello di proporre all’Operatore del Settore Alimentare le soluzioni alternative necessarie all’abbattimento del rischio e di verificare l’efficacia delle soluzioni proposte passando attraverso la stesura del Piano di Autocontrollo e l’applicazione del METODO H.A.C.C.P..

    A corollario della sua attività, il Consulente può effettuare i campionamenti analitici sulle produzioni e affidare ad un laboratorio esterno le relative indagini analitiche di carattere chimico-fisico e microbiologico. In questo modo il Consulente potrà chiudere il cerchio attorno alle produzioni del Cliente confermando la validità delle procedure messe in campoe fornendo così agli organi competenti in materia di sorveglianza la documentazione.

    Durata

    Due incontri da 8 ore (9:00 – 18:00).

    Prima Giornata

    L’H.A.C.C.P. e la sua applicazione

    Reg. CE 852/2004

    La stesura della relazione tecnica

    Il pacchetto igiene

    Il piano di autocontrollo : i SETTE PRINCIPI

    Identificazione di un CCP

    Come si costruisce un piano di autocontrollo

    Idiagrammi di flusso e l’identificazione dei CCP

    Monitoraggi strumentali e schede di monitoraggio

    Analisi chimico-fisiche e microbiologiche

    Revisione del piano di autocontrollo

    Seconda Giornata

    La gestione degli alimenti

    Le principali tossinfezioni alimentari

    Il rifornimento idrico

    La gestione dei rifiuti

    Piani di pulizia : PRINCIPI DI DETERGENZA E DISINFEZIONE

    Lotta agli infestanti

    Igiene del personale

    Il trasporto degli alimenti

    Etichettatura degli alimenti

    LA RINTRACCIABILITA’: Regolamento (CE) 178/2002

    La formazione obbligatoria degli operatori

sigmanet cisco ecdl logo AF Pearson logo formate Campania Fondo Sociale